nando pagnoncelli

Alessandro Fizzotti intervista Nando Pagnoncelli, amministratore delegato di Ipsos Italia per l’uscita del suo libro “Le mutazioni del signor Rossi. Gli italiani tra mito e realtà” (ed. Edizioni Dehoniane Bologna).

Il Libro

“Mi occupo di sondaggi dalla metà degli anni Ottanta. E se dovessi riassumere il senso del mio lavoro direi che cerco di “sentire il polso” del Signor Rossi, lo straordinario personaggio uscito nel 1960 dalla matita del fumettista Bruno Bozzetto. Pochi capelli, un accenno di baffi sotto un naso vistoso, giacca rossa, farfallino nero, paglietta, il Signor Rossi è stato il protagonista di cortometraggi, di film e di una serie televisiva in cui incarnava l’italiano medio dell’epoca. Il Paese viveva un boom economico senza precedenti, si facevano esperienze inedite per molti – l’acquisto di una macchina, le vacanze al mare, lo sci in montagna – ma si avvertivano anche i primi inconvenienti del progresso: la solitudine, il troppo lavoro, l’inquinamento. Anche se molte persone attribuiscono ai sondaggisti la sfera di cristallo e la capacità di anticipare il futuro – non diversamente da ciò che spesso accade ai meteorologi – fare rilevamenti statistici significa, in fondo, capire che cosa pensa il Signor Rossi e come nel corso del tempo ha cambiato – non sempre in meglio, non sempre in peggio – le sue abitudini e i suoi comportamenti”. Prefazione di Giovanni Floris.

nando pagnoncelli

Author: Fizzshow

Share This Post On